Sei anni dopo, Dwight Howard ritorna ai Lakers e firma per una stagione

Sei anni dopo una stagione poco brillante e un po’ di disaccordi con Kobe Bryant, il perno Dwight Howard è tornato ai Los Angeles Lakers. Questo martedì (27 agosto), il franchise californiano della NBA ha confermato la firma del 33enne, che ha 15 anni di esperienza nella lega professionistica di basket.

Assunto dopo la conferma del grave infortunio al ginocchio di DeMarcus Cousins, Howard ha accettato l’impegno di una stagione con i Lakers e avrà un contratto di produttività senza stipendio garantito. Le cifre non sono state divulgate dalla NBA o dal franchise, ma la stampa americana parla di 14,490$ al giorno partendo dal 21 di Ottobre.

Il giocatore è stata la prima scelta complessiva della NBA Draft nel 2004 per l’Orlando Magic ed è stato nella squadra della Florida fino al 2012, quando ha negoziato con i Lakers per la prima volta. L’incantesimo iniziale a Los Angeles è durato solo una stagione. Dopo diversi problemi alla spalla destra, polemiche con Kobe Bryant e una stagione sotto la media, è stato assunto dagli Houston Rockets.

Alternando periodi anche ad Atlanta Hawks, Charlotte Hornets e Washington Wizards, il perno ha cercato di recuperare il miglior momento della sua carriera dopo aver giocato solo nove partite con il franchise americano nel 2018.

Howard ha una media di 17,4 punti, 12,6 rimbalzi e 2,0 tocchi nella sua carriera professionale. In 15 stagioni, ha vinto tre volte il premio come miglior difensore tra il 2009 e il 2011 ed è stato eletto agli All-Star Game in otto occasioni. Di solito indossa la maglia 12, questa volta giocherà con la maglia 39 ai Lakers.

View this post on Instagram

OFFICIAL: Lakers sign Dwight Howard

A post shared by Los Angeles Lakers (@lakers) on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *