Thiago Marreta: dopo sconfitta contro Jon Jones, dovrà subire intervento ad entrambi le ginocchia

Gli esami confermano la rottura di tutti i legamenti del ginocchio sinistro e del menisco e vi è il sospetto di lesioni e rottura parziale del ginocchio destro. L’intervento avverrà questa settimana negli Stati Uniti.

Le lesioni subite da Thiago nella lotta contro Jon Jones all’UFC 239 sabato scorso (6 luglio) sono peggiori di quanto si pensasse. Il peso mezzo pesante brasiliano ha subito rotture di tutti i legamenti del ginocchio sinistro e del menisco. E’ quanto ha evidenziato la risonanza magnetica effettuata lunedì.

Oltre a questo, l’atleta di Rio potrebbe aver avuto la rottura parziale dei legamenti e del menisco destro e farà degli altri esami questa settimana.

Marreta sarà a Los Angeles, dove verrà operato e rimarrà negli EUA per circa un mese. Secondo un’intervista lasciata dal suo comitato al sito Combate.com, lo scenario più ottimistico è che il combattente rimanga circa otto mesi in recupero.

Il medico consultato da Marreta e dalla sua squadra era sorpreso che il combattente sia stato in grado di combattere per cinque round. Secondo lui, il brasiliano ha perso il controllo del ginocchio e ha rotto i legamenti continuando a calciare. Avendo compensato il peso sulla gamba destra, il ginocchio stesso, che era già stato operato quest’anno, ha finito per cedere.

Nonostante le ferite, Thiago ha lottato fino alla fine, e uno dei giudici laterali ha dato la vittoria a lui in tre dei cinque round. Il combattente brasiliano è stato sconfitto da una decisione divisa da parte dei giudici, e Jon Jones ha mantenuto il cinturone dei pesi mezzo pesanti. Entrambi i combattenti hanno lasciato l’arena su sedie a rotelle. La Commissione Atletica del Nevada ha fissato una sospensione medica di sei mesi per Marreta, ma ora sembra che avrà bisogno di più tempo per recuperare.

Invece Jon Jones ha ricevuto una sospensione medica di sei mesi per una sospetta lesione del piede sinistro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *