Tifosi del Chelsea barrati allo stadio a Praga dopo il video con canti xenofobi contro Salah

Gli inglesi che si trovavano nella capitale ceca per la partita dei Blues nell’Europa League cantano che l’egiziano del Liverpool è un “kamikaze”. Il club li identifica e gli impedisce di entrare nello stadio.

Il Chelsea ha barrato la strada a 3 dei loro 1077 tifosi che sono venuti ad accompagnare la squadra dopo la vittoria per 1-0 contro lo Slavia Praga, questo giovedì, nella capitale ceca per la partita di andata dei quarti di finale dell’Europa League. Prima della partita, hanno pubblicato un video cantando messaggi xenofobi contro Mohamed Salah, del Liverpool. Il post rapidamente è diventato virale, ed il club inglese è riuscito ad identificarli.


Nel video (vedi sotto), i tifosi sono in un bar di Praga a cantare che Salah è un “kamikaze”, in una chiara dimostrazione di islamofobia. Salah è egiziano e seguace della religione islamica. Con l’aiuto del suo dipartimento di sicurezza, il Chelsea ha identificato gli autori del video, tesserati con il club, e gli ha impedito di entrare nell’Eden Arena. Dopo l’episodio, la direzione dei Blues ha rilasciato una dichiarazione promettendo un’azione vigorosa per affrontare situazioni simili.

 

 

Non è la prima volta che i tifosi del Chelsea o il club stesso sono coinvolti in atteggiamenti discriminatori. Nel febbraio 2015, i tifosi dei Blues sono stati visti nella metro di Parigi cantando “siamo razzisti” prima di giocare con il PSG per la Champions League. Gli autori sono stati identificati e sospesi dal club. Nel maggio dello scorso anno, due ex allenatori delle categorie di base della squadra sono stati denunciati per aver promosso la cultura razzista nella squadra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *