Conmebol conferma la sospensione automatica di Messi per l’espulsione in Brasile e impone una multa

Il tribunale disciplinare di Conmebol ha confermato martedì 23 luglio la sospensione della stella argentina Lionel Messi per il cartellino rosso che ha ricevuto nella vittoria per 2-1 sul Cile nella partita della Coppa America per il terzo posto.

Messi non ha ricevuto ulteriori sospensioni, però l’Argentina Football Association (AFA) non è riuscita nel tentativo di annullare la penalità del suo giocatore principale. Inoltre, la Conmebol ha anche inflitto una multa di 1.500 $.

La sanzione di Messi, tuttavia, non pone fine alla polemica avvenuta con l’ultima partita dell’Argentina nella Coppa America in Brasile. La decisione infatti è stata presa in seguito ad un incidente in campo, quando è stato espulso nei minuti iniziali della partita dopo un disaccordo con il difensore cileno Jara.

Messi sarà rivalutato dalle dichiarazioni rilasciate dopo il duello con il Cile, in cui ha boicottato la cerimonia di premiazione del terzo posto e ha persino dichiarato che la competizione sarebbe stata truccata per far vincere la squadra brasiliana.

“Non ci hanno dato due rigori, la Conmebol dovrebbe rivedere questo tipo di arbitraggi, ma nessuno farà nulla perché il Brasile ha tutto in mano. La corruzione, gli arbitri e tutto il resto non ci hanno permesso di arrivare in finale”, avrebbe detto l’atleta.

La sua punizione dovrebbe essere minore in questo caso, poiché la star argentina ha recentemente inviato a Conmebol delle scuse formali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *