Le americane battono 13-0 la Thailandia, garantendo la più grande vittoria della storia del Mondiale femminile

La Nazionale Americana, attuale campione del mondo, ha massacrato la Thailandia per 13-0 riuscendo nel record di più gol fatti al Mondiale di calcio femminile. La partita si è tenuta questo martedì a Reims, in Francia.

Il record apparteneva alla Germania che nella Coppa del Mondo del 2007 in Cina, aveva vinto contro la squadra argentina per 11-0.

La star Alex Morgan, che ha aperto il punteggio in 12 minuti, ha segnato cinque gol nella partita.

Rose Lavelle e Lindsey Horan hanno realizzato gli altri due gol prima dell’intervallo.

Nel secondo tempo, una valanga è caduta sulle tailandesi. Ci sono stati quattro gol in soli sei minuti: due di Sam Mewis, seguito da Morgan e Lavelle. Alex Morgan segnerà altre tre volte (74’, 81’, 87’). Megan Rapinoe e Mallory Puggh hanno collaborato ad aumentare il punteggio. La leggendaria Carli Llloyd, 36 anni, ha fatto il suo gol nei supplementari (90 + 2).

Le americane, che sono sempre salite sul podio nelle sette edizioni precedenti, stanno lottando per mantenere il titolo e aggiungere una quarta stella alla loro maglia.

L’allenatrice della Thailandia Nuengrutai Srathongvian, che occupa la posizione 34° nella classifica della FIFA, ha lamentato la disfatta storica: “Dobbiamo accettare questo risultato, non abbiamo fatto abbastanza in campo. Dobbiamo accettare che sono molto forti e che hanno giocato molto bene. Ma non abbiamo scuse”.

Srathongvian non si lascia scoraggiare ed è ottimista: “Proviamo a migliorare. Le mie giocatrici si aspettavano molto da questo momento e sono molto deluse perché non speravano in questo risultato. Volevano fare una buona impressione e hanno fatto del loro meglio. Ci sono ancora due partite rimanenti e sono sicura che si riprenderanno”.

Con questo risultato, le americane confermano i pronostici e prendono la leadership isolata del gruppo F davanti alla Svezia, che ha battuto il Cile per 2 a 0.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *