Lewis Hamilton vince il GP del Canada dopo punizione di 5sec per Vettel

Il pilota britannico Lewis Hamilton (Mercedes) ha vinto il Gran Premio del Canada ieri 9 giugno grazie ad una punizione di 5 secondi data al pilota tedesco Sebastian Vettel (Ferrari), che ha tagliato il traguardo per primo, ma ha chiuso la gara al secondo posto. Il podio è stato completato da un’altro pilota della scuderia italiana, il monegasco Charles Leclerc, finito in terza posizione.

Il quattro volte campione del mondo è stato penalizzato per aver bloccato Hamilton contro un muro nel momento in cui ha riacquistato il controllo della sua vettura dopo aver commesso un errore e aver guidato sopra l’erba. Questa è stata la quinta vittoria della stagione per Lewis Hamilton, che con questo risultato è rimasto in testa al campionato.

“No, no, no, non così”, si era lamentato Vettel via radio poco dopo la fine della gara. “Devi essere cieco per pensare che puoi uscire dall’erba e controllare dove vai … Non è giusto!”

In seguito, il tedesco non ha partecipato alla tradizionale intervista dopo la prova. In più ha anche spostato il cartellone che segnava il primo posto, scambiandolo col suo (2° posto).

 

“Certo che non è così che volevo vincere”, ha detto il pilota della Mercedes. “Ho spinto fino alla fine per cercare di superarlo. È un peccato, ma è la gara. Non sei obbligato a tornare immediatamente alla traiettoria” , ha aggiunto dopo aver lasciato la pista.

Dopo tutto, Hamilton ha invitato il suo avversario a salire sul gradino più alto del podio.

Il finlandese Valtteri Bottas (Mercedes) e l’olandese Max Verstappen (Red Bull), meno ben piazzati di quanto non siano abituati nel grid (6° e 9° rispettivamente), hanno finito per essere 4° e 5° davanti all’australiano Daniel Ricciardo ed al tedesco Nico Hülkenberg, entrambi della Renault.

Il francese Pierre Gasly (Red Bull), il canadese Lance Stroll (Point Racing) ed il russo Daniil Kvyat (Toro Rosso) completano la top 10. Bottas ha vinto il punto per il giro più veloce della gara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *