Vettel in testa al primo allenamento per il GP 1000 di Formula 1 in Cina; Hamilton è secondo

Il tedesco ha messo la Ferrari in cima alla tabella dei tempi, con il compagno Leclerc in terza; Ricciardo è apparso in sesta posizione mentre Stroll ha fatto l’unico incidente della sessione.

Nelle prime prove libere del 1000° Gran Premio di Formula 1 in Cina, Sebastian Vettel ha messo la Ferrari in cima alla lista dei tempi segnando 1’33s911 questa mattina. Lewis Hamilton è apparso appena dietro il rivale, a +0s207. Charles Leclerc, Valtteri Bottas e Max Verstappen completano la top 5.


Grande prestazione di Daniel Ricciardo, che ha piazzato la Renault al sesto posto. Un fumo sospetto è uscito dalla macchina dell’australiano, ma il pilota #3 ha continuato normalmente.

La sessione di allenamento è andata liscia. A parte l’unico incidente causato da Lance Stroll, nell’ultima curva del circuito di Shanghai. Nonostante il “balletto” eseguito dal pilota di Racing Point, la sua scivolata non ha causato danni alla vettura ed il canadese ha continuato la gara.

Una situazione insolita ha segnato le prove libere che hanno aperto il weekend. L’ingegnere della Hamilton, Peter Bonnington ha provato a dare alcuni consigli a Hamilton su come migliorare la sua prestazione alla curva 12, ma all’inglese non è  piaciuta e ha risposto con “non darmi lezioni, Bono”.

 

L’unico corridore a non partecipare alla formazione è stato Antonio Giovinazzi. Secondo Alfa Romeo, la squadra ha riscontrato un problema durante l’installazione del motore del conducente. Il pezzo in se va bene. Il problema è stato nel processo di installazione.

Alcuni corridori hanno iniziato il GP della Cina con nuovi pezzi. È stato il caso della Renault che, dopo aver subito incidenti quasi sincronizzati con le due vetture in Bahrain, ha cambiato il motore Hulk e il MGU-K della macchina del tedesco, di Ricciardo e Norris McLaren. La Ferrari ha anche cambiato la centralina elettronica delle loro auto. Così ha fatto anche la Haas. Nessuna delle modifiche ha causato penalità per i team o ai piloti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *